0 0
Pasta Lievitata

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

1500 Gr. Acqua
10 gr. Malto d'orzo Facoltativo
40 Gr. Lievito di birra fresco
150 Gr. Olio di Semi
3000 kg. Farina di grano tenero
50 Gr. Sale

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Pasta Lievitata

Una tecnica antica

  • Medium

Ingredients

Directions

Share

Le paste lievitate sono un elemento fondamentale della cucina, l’origine della panificazione è molto antica ma, per quanti secoli siano passati, il processo è rimasto pressoché invariato. Grazie all’aggiunta di particolari enzimi in un ambiente caldo umido, si ottiene la trasformazione degli zuccheri in anidride carbonica che, grazie alle proprietà degli ingredienti usati (come il glutine contenuto nella farina di grano), rimane intrappolata nel nostro impasto conferendogli una minor densità che percepiamo come sofficità.

Senza entrare troppo nello specifico, naturalmente, dobbiamo sempre tenere a mente alcune semplici regole:

  1. Gli enzimi hanno bisogno di zuccheri per formare l’anidride carbonica quindi dovremo scegliere la qualità delle farine in base al tipo di panificazione che vorremo fare.
  2. La durata del processo di lievitazione è direttamente proporzionale al sapore e digeribilità: una lievitazione veloce restituirà un prodotto neutro e poco digeribile mentre una fermentazione prolungata restituirà un prodotto saporito e facile da digerire. ATTENZIONE, però: una lievitazione eccessiva restituirà un prodotto acido e sgradevole.
  3. La scelta del tipo di lievito da utilizzare è fondamentale: lievito madre, lievito di birra o lievito chimico non sono comparabili: ogni uno di essi ha caratteristiche diverse e restituirà un prodotto nettamente diverso.
  4. Essendo i lieviti dei veri e proprio funghi, la loro proliferazione dipende dalla temperatura e dall’ambiente che trovano, quindi, la loro quantità andrà valutata di volta in volta a prescindere dalla dose indicata nella ricetta (l’esperienza aiuterà).

Il mio consiglio è quello di non accelerare troppo il processo di lievitazione aggiungendo troppo lievito o usando acqua calda. Queste scorciatoie andranno a scapito del sapore. Se il tempo che avete a disposizione non è sufficiente, rimandate la preparazione ad un altro momento.

La nota importante di questa ricetta è l’aggiunta di olio di semi. Questo perché?

 

Spesso si tende a credere che la focaccia (o pizza) venga più morbida se si aggiungono all’impasto più acqua o addirittura, latte. Questo non è propriamente vero: l’acqua (o latte) in cottura, tende ad evaporare, lasciando libere le proteine di legarsi fra loro e dando così origine ad un impasto più duro. L’olio, al contrario, nelle giuste proporzioni, non evapora con la cottura e si infiltra tra le proteine impedendo che si crei fra loro un legame troppo forte, e dando così origine ad un composto che risulterà più soffice all’interno e più croccante all’esterno.

Questa base è ottima per preparare pizze, focacce, panzerotti, “ciaccie” fritte, ecc. ecc.

Vediamo il procedimento:

Nota: Nelle mie ricette (a parte gli alcolici) tutti i liquidi vengono misurati in grammi per facilitare le preparazioni e sporcare un’accessorio in meno.

 

(Vista 18 volte, 4 vista oggi)

Steps

1
Done

Riattiviamo il lievito

Versa nell'impastatrice l'acqua fredda, il lievito e il malto d'orzo.
Il malto ci serve per "nutrire" il nostro lievito che è rimasto "addormentato" fino ad ora.
Lascia riposare per almeno 10 minuti.

2
Done

Adesso mescola bene il tutto e aggiungi l'olio di semi

3
Done

Impasto

Aggiungi la farina e, con l'uso del "gancio" impasta gli ingredienti per 10/12 minuti a bassa velocità.

4
Done

Senza spegnere l'impastatrice aggiungi il sale (marino) e continua ad impastare per altri 4/5 minuti

5
Done

Spegni la macchina e senza rimuovere l'impasto dall'impastatrice lascia riposare l'impasto per 30/40 minuti.
L'impasto dovrà aver iniziato a "muoversi"

6
Done

Avvia l'impastatrice per 3/5 minuti per mescolare l'impasto. Questo passaggio permette di mescolare bene i lieviti e di "sgonfiare" l'impasto. Questo passaggio allungherà il processo di lievitazione donando al composto più acidità e sapore.

7
Done

Riposo

Adesso rimuovi il composto dall'impastatrice, compattalo formando una palla e disponilo in un contenitore capiente, coprilo con pellicola trasparente e lascialo lievitare fino a che l'impasto non sia gonfiato più del doppio (vedi foto).

Adesso siamo pronti per usare l'impasto come meglio preferiamo.

8
Done

Alcune preparazioni possibili

Con questo impasto è possibile fare:
Pizze
Pizza bianca
Pizzette
Piadine
Panini
Focacce
Panzerotti
Ciacce fritte
Calzoni
e molto altro ancora

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Polpettine di Champignon
next
La Pizza
previous
Polpettine di Champignon
next
La Pizza

Add Your Comment